Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Como

Una preghiera per la Pace

don Lele e Andrea“Ci sentiamo uniti a papa Francesco che ci esorta continuamente a pregare per la pace. Ci sentiamo uniti ai fratelli ebrei e musulmani…”. Con queste parole don Emanuele Corti, assistente diocesano per il Settore Giovani ha introdotto ieri sera, 7 agosto, al Centro Card. Ferrari, l’incontro di preghiera per la pace in Terra Santa senza naturalmente dimenticare i molti conflitti che sono aperti in altre aree del mondo e nella stessa Europa. L’incontro è stato voluto dai giovani di Ac che purtroppo, per la tragica situazione in Medio Oriente, non hanno potuto concretizzare il pellegrinaggio programmato proprio in questi giorni nella terra di Gesù.

All’incontro si è unito il rabbino Robiati Bedaud, mentre il giorno dopo la preghiera è continuata con la comunità musulmana di Como. I giovani, nell’ascolto della Parola, nella lettura della parole del Papa, nel silenzio e nella meditazione musicale, hanno elevato “un’invocazione a Dio affinché ci conceda il dono della pace in Terra Santa e ci renda capaci di essere costruttori di pace”. L’incontro si è concluso con due gesti simbolici: la messa a dimora di un ulivo nel chiostro del Centro pastorale e la consegna a ogni partecipante di una zolla di terra contenente un seme, simbolo dell’impegno personale perché nasca e cresca la pace.

All’incontro hanno partecipato anche il presidente diocesano, l’assistente diocesano del Settore Adulti, rappresentanti del Settore Adulti, dell'Équipe Acr e del Msac. Nello stesso giorno l’Ac del Vicariato di Uggiate Trevano, altre associazioni parrocchiali e molte persone di Ac si sono unite spiritualmente all’iniziativa dei giovani. “La preghiera per la pace e la riflessione su quanto sta accadendo nel mondo” – ha affermato il presidente diocesano – “non vanno in ferie e continueranno. In particolare facciamo nostro l’appello dei vescovi italiani a dedicare il 15 agosto alla preghiera per i cristiani perseguitati nel mondo, in particolare in Iraq e Nigeria. Di questo appello, che viene da papa Francesco, la nostra Ac si farà carico, con particolare intensità, sostenendo o promuovendo opportune iniziative con le comunità parrocchiali”.

Nella foto: don Emanuele e Andrea Mottin mettono a dimora l'ulivo della pace

Posted in Notizie Unitarie. RSS 2.0 feed.