Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Como

Un dono inestimabile,
da custodire per tutta la vita

FB_IMG_1471644851045Un ricordo particolare: il vescovo mons. Mansueto Bianchi, assistente generale dell'Azione cattolica italiana, era stato lo scorso anno ad Ain Karim (Valfurva) dove si svolgeva il campo nazionale Acr. Qui si era incontrato con il nostro vescovo Diego e anche noi avevamo condiviso la gioia e la fraternità dei due vescovi che si erano conosciuti alla Conferenza episcopale regionale della Toscana essendo mons. Mansueto vescovo di Pistoia e mons. Diego vescovo di Livorno. Indimenticabili le parole di papa Francesco all'udienza all'Ac del 3 maggio 2014: “Se voi volete ascoltare il consiglio del vostro Assistente generale – è tanto mite, perché porta un nome mite, lui, è Mansueto! – se voi volete prendere il suo consiglio, siate asinelli, ma mai statue di museo, per favore, mai!”. Mons. Bianchi, che è stato anche Presidente della Commissione Cei per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso, è morto il 3 agosto scorso e la nostra associazione diocesana si era raccolta in preghiera nel tempo della sua malattia. Il nostro Consiglio diocesano si era soffermato, il 23 luglio, a riflettere sul testo che il vescovo aveva lasciato all'associazione in preparazione del prossimo anno associativo: il tema è quello delle Beatitudini. Lo proponiamo a tutti unitamente al pensiero che il presidente nazionale Matteo Truffelli ha condiviso ai funerali del vescovo Mansueto.

Le Beatitudini- riflessioni di mons. Mansueto Bianchi

“Siete una Chiesa bellissima”

Un sentito e sincero ringraziamento a nome di tutta l'Azione Cattolica Italiana e del Forum Internazionale di Azione Cattolica a S.E. Mons. Fausto Tardelli, che ha presieduto la celebrazione e che in questi mesi è stato particolarmente vicino a Mons. Bianchi e, perciò, a tutti noi. Un ringraziamento di vero cuore a S. Em. Cardinale Angelo Bagnasco e a S. Em. Giuseppe Betori, e con loro a tutti i sacerdoti che hanno voluto concelebrare, e a tutti voi che siete qui presenti oggi. Un particolare ringraziamento alle tante persone, alle associazioni e ai movimenti che si sono fatti presenti in questi giorni con messaggi di vicinanza, di stima e di affetto per noi e per mons. Bianchi.

Tutta l’Azione Cattolica Italiana prova un grande senso di gratitudine per la Chiesa di Lucca, per quella di Volterra e di Pistoia, in cui il Vescovo Mansueto è cresciuto, ha esercitato il proprio ministero presbiterale e episcopale, e ora è voluto tornare.

Oggi vogliamo dire però innanzitutto la nostra gratitudine per il Vescovo Mansueto. Gli siamo grati per il tratto di strada e di vita che abbiamo condiviso.

Mons. Bianchi è stato per l’Associazione tutta, a partire dalla Presidenza Nazionale, ma per tutti coloro che hanno avuto l’opportunità di incontrarlo, ascoltarlo e leggerlo, un autentico Assistente.

Ha accompagnato e sostenuto con affetto e con stima il cammino dell’Azione Cattolica condividendo le nostre scelte e incoraggiandoci sempre, con serenità e sapienza, perché, come ci ha ricordato anche negli ultimi giorni, "il bandolo lo tiene Lui". Ci ha sostenuto e incoraggiato, dunque, dimostrando sempre al contempo un costante rispetto per la responsabilità laicale.

Gli siamo grati per aver in tante occasioni spezzato per noi la Parola, facendocela conoscere, capire e gustare con profondità e concretezza.

Per la passione, e anche l’ironia, con cui ha condiviso il nostro impegno; una passione e un'ironia fondate sull’amore per la Chiesa e per il mondo.

Per l'allegria con cui abbiamo affrontato problemi e inconvenienti, momenti belli e gioiosi della vita associativa.

Gli siamo grati per lo stupore, la stima e la gratitudine con cui ha vissuto il suo servizio in Azione Cattolica: quello stupore, quella stima e quella gratitudine con cui non si stancava di ripeterci, anche negli ultimi giorni, fino quasi a convincerci: “siete una Chiesa bellissima”.

Un’immensa gratitudine, infine, proviamo per tutto ciò che ha insegnato e trasmesso a ciascuno di noi in questi ultimi mesi.

Accompagnandolo nel percorso della malattia, abbiamo tutti potuto fare con lui esperienza di una fede profondamente incarnata nella vita, e abbiamo vissuto nella concretezza quello che spesso diciamo: l'Azione Cattolica è come una grande famiglia, in cui ci si vuole bene, ci si prende cura gli uni degli altri. In modo particolare, abbiamo potuto sperimentare la forza, la profondità e la bellezza del legame che ha unito il Vescovo Mansueto ai nostri assistenti: don Emilio, don Tony, don Marco, don Michele, che in questi mesi gli sono stati accanto con tenerezza, generosità e dedizione di figli veri: grazie a loro ci siamo realmente sentiti tutti una famiglia, fondata sulla consapevolezza di essere fratelli perché figli. Chi è stato accanto a mons. Bianchi in questi mesi, chi è venuto a trovarlo in ospedale o a casa, chi è passato anche solo per un breve saluto, conserverà sempre nel proprio cuore la sensazione di aver ricevuto da lui, dal suo sguardo, dal suo sorriso e dalle sue parole un dono inestimabile, da custodire per tutta la vita.

Grazie, Eccellenza!

Matteo Truffelli, presidente nazionale dell'Azione cattolica italiana
– Cattedrale di Pistoia – Venerdì 5 agosto 2016

 

Posted in Notizie Unitarie. RSS 2.0 feed.