Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Como

Politiche e regionali: doppio voto
per i lombardi domenica 4 marzo

Domenica 4 marzo si svolgeranno le elezioni politiche e in Lombardia e in Lazio anche le elezioni regionali. Considerata l'importanza di questo appuntamento, nel sito è stata predisposta una apposita sezione intitolata Elezioni 2018 (banner nella colonna a destra, sotto il calendario) dove sono riportati i principali articoli usciti sul tema e condivisi da Ac. In quest'ultimo in particolare, ci siamo concentrati sulle modalità, cercando di spiegare nella maniera più semplice come si vota.

QUANDO Si vota solo domenica 4 marzo, dalle ore 7 alle ore 23 e per votare è necessario presentare la tessera elettorale e un documento d'identità. Ai lombardi saranno consegnate tre schede: una di colore rosa (per la Camera), una di colore giallo (per il Senato, sarà consegnata solo se l'elettore ha compiuto 25 anni), una di colore verde (per le regionali). Lo spoglio per le politiche inizerà subito dopo la chiusura dei seggi, alle 23, mentre quello per le regionali si svolgerà a partire dalle ore 14 del 5 marzo.

 

Le schede elettorali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COME SI VOTA Elezioni politiche Le schede per Camera e Senato sono uguali.

Le schede recano il nome del candidato nel collegio uninominale e, per il collegio plurinominale, il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste ad esso collegate.

I contrassegni delle liste hanno riportati a fianco i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale.

Le modalità di voto sono riportate anche nella parte esterna della scheda elettorale, con apposita esplicitazione che: il voto espresso tracciando un segno sul contrassegno della lista vale anche per il candidato uninominale collegato, e viceversa;

il voto espresso tracciando un segno sul nome del candidato uninominale collegato a più liste in coalizione, viene ripartito tra le liste in proporzione ai loro voti ottenuti nel collegio.

Se l’elettore traccia un segno sul rettangolo con il nominativo del candidato del collegio uninominale e un segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista nonché i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista.

Se l’elettore traccia un segno sul contrassegno e un segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista medesima, il voto è considerato valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale.

Se l’elettore traccia un segno, comunque apposto, sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto è nullo perchè non è ammesso il voto disgiunto.

VIDEO TUTORIAL Guarda il video del Ministero dell'Interno https://www.youtube.com/watch?v=CE4JSeQPBKI

SITO MINISTERO INTERNO Sul sito del Ministero, inoltre, http://dait.interno.gov.it/ è possibile consultare l'apposita sezione dedicata alle elezioni così come l'opuscolo predisposto con le domande più frequenti sul voto faq-politiche_2018-1

COME SI VOTA Elezioni Regionali Per le regionali è possibile esprimere il proprio voto in questo modo: barro solo il nome del candidato alla presidenza;

barro il nome del candidato presidente e barro una lista a lui non collegata (cosiddetto voto disgiunto che è ammesso per le regionali ma non per le politiche);

a fianco del candidato-presidente scrivo i nomi di due candidati (un uomo e una donna; se non viene rispettata la regola di genere, la seconda preferenza viene cancellata) della stessa lista del candidato-presidente;

voto solo la lista collegata al candidato-presidente e in questo caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato-presidente collegato a quella lista.

SITO REGIONE LOMBARDIA Per maggiori informazioni sulle elezioni regionali, è possibile consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it

 

 

Posted in Notizie Unitarie and tagged with , , , . RSS 2.0 feed.