Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Como

Matteo Truffelli:
“L’Ac fa strada con tutti”

Pubblichiamo la lettera che il Presidente nazionale, Matteo Truffelli, ha inviato oggi ai Presidenti diocesani Ac con l’augurio di un fecondo anno associativo nel 150° anniversario della nascita dell’associazione. Ritroviamo nelle parole del Presidente nazionale – rivolte a tutti gli associati tramite i Presidenti diocesani – un forte incoraggiamento e anche la conferma della bontà della direzione che l’Ac diocesana ha dato e intende dare al suo cammino.  Tre sono le “crescite” che anche la nostra Ac ha posto come mete per il triennio appena iniziato: la crescita associativa (qualitativa e quantitativa), la crescita nel servizio corresponsabile alla Parrocchia, al Vicariato alla Diocesi; la crescita del servizio alla Città cioè al Territorio, alla costruzione del Bene comune.

 

Lettera di Mattteo Truffelli ai Presidenti diocesani

Carissimi Presidenti,
desidero innanzitutto dirvi grazie per il vostro servizio.
Stiamo vivendo il 150° anniversario dalla fondazione dell’associazione e voglio augurarvi un buon anno associativo riprendendo le parole di Papa Francesco che il 30 aprile ci ha esortati ad essere testimoni di quella “passione cattolica” che ha animato tante generazioni. Proprio da questa passione occorre ripartire in tutte le nostre parrocchie.

Passione per le persone. L’Ac fa strada con tutti. È attenta ad ogni persona, a quelle che incontra nei percorsi ordinari, a quelle che passano dalle nostre esperienze anche solo una volta. Si fa cura e attenzione per i cammini personali e di fede, prende a cuore le domande di vita, anche di chi è apparentemente lontano. Passione per le persone, per un presidente parrocchiale, significa anche accompagnare la crescita dei responsabili e degli educatori perché possano vivere la responsabilità come un’esperienza che dà pienezza alla loro vita.
Passione per le nostre parrocchie. Passione è cura, pazienza, creatività di un’Ac che vive nelle comunità e si impegna perché diventino casa accogliente per tutti. Crea spazi di dialogo e di autentico discernimento. Sa stare con amicizia discreta accanto ai parroci, sa tessere legami con le altre realtà presenti, sa creare comunione, facendo prevalere sempre ciò che unisce e non ciò che divide.

Passione per le nostre città e i nostri paesi. L’Ac sa abitare i paesi e le città. Guardando alla realtà, sa innescare processi virtuosi di cura ed educazione al bene comune. Insieme a chi ha a cuore il territorio attiva reti e alleanze promuovendo un tessuto di relazioni buone e stima anche con sensibilità differenti.

Grazie di cuore perché date concretezza al volto bello di questa Ac appassionata.
Un buon cammino a tutti!
Matteo

 

Posted in Notizie Unitarie. RSS 2.0 feed.