Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Como

Che bella gara
stimarsi a vicenda!

LumacheCosa ci fanno le immagini delle lumache sulla locandina che annuncia l'incontro del 3 maggio (ore 20) a Como tra educatori dell'azione Cattolica, dell’Agesci (Scout), di Gioventù Studentesca, delle Acli, della Pastorale Giovanile e della Pastorale universitaria  al quale interverrà il Vescovo?

Simpaticamente intendono ricordare che i tempi dell'educare non devono subire la velocità imposta alla vita di ogni giorno  ma  devono essere modulati  con pazienza e con calma sulle tappe della crescita integrale di una persona.

Ma le lumache vogliono anche ricordare che la gara dello stimarsi a vicenda non è una corsa  contro il tempo ma è con il tempo,  nella consapevolezza che il conoscersi e l'apprezzarsi è il frutto di un cammino condiviso e nel quale le differenze  sono risorsa e non problema.

La proposta di incontrarsi, di conoscersi e di confrontarsi, è partita dall'Azione cattolica diocesana ed  è nata dalla domanda emersa dal Convegno ecclesiale nazionale che si è svolto a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015 : come educare a riconoscere che il nuovo umanesimo  si realizza pienamente solo in Gesù Cristo?

A questa prima domanda hanno fatto seguito altre: con quali linguaggi educare oggi? Perché non ritrovarsi per scambiare esperienze e riflessioni sulla scelta di essere educatori? Perché non condividere la fatica e la bellezza dell’educare alla vita buona del Vangelo, come suggeriscono i vescovi italiani negli orientamenti pastorali per il decennio 2010/2020?

Nel corso di alcuni incontri preparatori si è arrivati insieme alla definizione, alla condivisione e alla preparazione dell'appuntamento e così  martedì 3 maggio (inizio alle ore 20 con buffet) con la presenza del vescovo Diego, si incontreranno al “Centro socio-pastorale Cardinal Ferrari” in Como gli educatori di gruppi, movimenti, associazioni che condividono l’impegno e la passione dell'educare. Non sarà però una conferenza con relatori illustri e dibattito sulla relazione, ma un incontro-racconto per condividere il valore, la fatica e la bellezza dell’impegno educativo in ambiti ecclesiali, sociali, scolastici.

Ogni intervento sarà proposto anche con video  in modo simpatico e rispondendo a una domanda che si riferisce a una caratteristica di ogni progetto educativo.

“L'obiettivo di questa iniziativa – affermano i promotori – è quello di conoscersi, di condividere il significato della dimensione educativa della carità intellettuale, di superare  le incomprensioni e a volte i pregiudizi  che esistono ancora oggi. E dopo questa prima tappa si intende coinvolgere anche altre esperienze educative che sono presenti e attive in diocesi.  Si valuterà così la possibilità di continuare questo percorso  con calma, cioè con la saggia lentezza delle lumache che non si fermano mai e arrivano alla meta senza perdere il guscio lungo la strada”.

Scarica la locandina del'incontro

 

Posted in Notizie Unitarie. RSS 2.0 feed.